mercoledì 15 febbraio 2012

Croccante di mandorle, a sa sarda (alias il gattò)


Sarà colpa dell'inverno, dello studio, sarà colpa della fase del ciclo lunare, o forse dello spread, fattostà che ultimamente ho una voglia di dolci epica. E dato che già normalmente lo zucchero e il burro occupano una buona fetta dei miei pensieri, vi lascio immaginare com'è la situazione ora.
Non solo. Ultimamente ho anche un sacco di voglia di Sardegna, ma il perché qui è molto più chiaro: sono offesa perché lì ha nevicato e qui no: tutto coperto da uno strato candido e foffoso, che sembra una coperta di panna o uno strato generoso di zucchero a velo...
ecco, ve l'avevo detto che la situazione era grave!
Voglia di dolci e di Sardegna, dicevamo: allora quale connubio migliore del croccante? Uno dei miei dolci sardi preferiti, simile al classico "croccante di mandorle" che si trova un po' ovunque, ma meglio :)
enjoy!

Per una quindicina di dolcetti:
200g mandorle
200g zucchero semolato
1 limone
Una quindicina di foglie di limone

Far bollire una pentola d’acqua, buttarci le mandorle e scolarle alla ripresa del bollore. Spellare le mandorle (dopo la scottatura sarà facilissimo) e tagliarle in tre parti nel senso della lunghezza. Disporre le mandorle in un unico strato su una teglia rivestita di carta forno e tostarle a 180°C per una decina di minuti, finché saranno leggermente dorate. Lasciarle raffreddare e tenere da parte. Mettere lo zucchero in una pentola abbastanza ampia e farlo sciogliere a fuoco bassissimo. Quando il caramello sarà dorato buttarci dentro le mandorle e mescolare. Lo zucchero tenderà a cristallizzarsi per poi trasformarsi di nuovo in caramello: a questo punto rovesciate questo miscuglio di mandorle e caramello su un foglio di carta forno. Appiattite il croccante tamponandolo con un ½ limone e/o con un mattarello su cui avrete strofinato il limone, fino a uno spessore omogeneo di circa ½ cm e lasciatelo raffreddare. Quando sarà freddo ma non del tutto indurito tagliatelo a rombi e disponete ogni rombo su una foglia di limone. Si conserva per un sacco di tempo, a riparo dall’umidità :)

Aggiornamenti (17/02)
- Mi è stato gentilmente fatto notare da consanguinei che non ho scritto che un altro nome del croccante è "gattò"
- il fatto di essermi dimenticata di qualcosa che collega il mondo dei gatti al mondo della cucina mi ha portato a un'intensa riflessione sulla mia esistenza. E sul gattò. E pensando pensando, quando le mie tempie erano ormai ben surriscaldate mi è venuto un dubbio amletico: "ho scritto che le mandorle è molto meglio tostarle in forno che in padella?" ecco, mi accorgo ora che non avevo scritto affatto che vanno tostate. Correggo! :)

7 commenti:

  1. ho la bavetta tipo quella di Homer... mmmm, croccante....

    RispondiElimina
  2. BBBBBBBBBBBuuuuuooooooooonooooooooo..............

    RispondiElimina
  3. pure io ho una voglia di dolci incredibile! questo post non fa che farmela aumentare!

    RispondiElimina
  4. il croccante non ho mai provato a farla a casa ma è più semplcie di come pensavo :-)

    RispondiElimina
  5. Deve essere squisito!! In questo periodo spopolano dolci di ogni tipi, sei in buona compagnia ;)

    RispondiElimina
  6. grazie a tutti *__*
    @ gunther: è semplicissimo, basta a stare attenti a non ustionarsi col caramello :P

    RispondiElimina
  7. Non abbiamo mai provato a farlo... ci toccherà imparare! Troppo buono
    Baci

    RispondiElimina