lunedì 10 settembre 2012

Focaccine dolci alla ricotta e vaniglia



Se qualcuno di voi è così tecnologico e interconnesso e interfacciato da aver guardato la pagina fèisbùc di Banana Split negli ultimi giorni avrà notato che ho avuto un attacco di shopping compulsivo. Borse? Vestiti? Scarpe?
Seeeee
Vaniglia bourbon del Madagascar! E siccome le cose o si fanno bene, o non si fanno per niente: 100 bacche! (no bè, in realtà ho preso anche delle scarpe. A mia discolpa posso solo dire che sono lilla a pois *_*)
Le ho trovate di rientro dalla palestra, nel loro bel pacchetto accoccolato nella cassetta della posta. Dopo averle scartate, studiate, annusate e maneggiate un po’ mi sono ricordata di questa ricetta che mi aveva colpito su Sale & Pepe di questo mese e..letto fatto! :)
Sono PER-FET-TE! Dolci quanto basta, vanigliose e di una sofficità unica! *_* Se sopravvivono alla prova freezer saranno un must delle mie colazioni :) anche perché, se ci pensate, sono anche abbastanza equilibrate e sane, per essere così buone! :)

Ps – Si, mi piacciono le tovagliette da colazione :D questa è la tovaglietta ‘motivazionale’: basta guardarla per aver voglia di correre :D

Per 10 focaccine:
400g farina 00
300g ricotta (*)
120g zucchero
1 baccello di vaniglia o un cucchiaino di estratto di vaniglia
25g lievito di birra
2 cucchiai di latte
2 cucchiai d’olio
1 uovo
Un pizzico di sale

(*) romana nella versione originale, friulana nella mia :P l’importante è che sia fresca e buona!

Sciogliere il lievito con un 1dl d’acqua tiepida e un cucchiaino di zucchero, unire 50g di farina, mescolare e lasciar riposare in luogo tiepido per 30’. Aggiungere la farina rimasta e 100g di zucchero, la ricotta, il sale, i semini della bacca di vaniglia e l’olio e impastare tutti gli ingredienti per 10’. Trasferire l’impasto in una ciotola, coprire con un panno e far lievitare per un’ora e mezza.
Sgonfiare leggermente la pasta senza lavorarla, dividerla in 10 panetti e schiacciarli leggermente con le mani su una teglia rivestita con carta forno.
Far lievitare le focaccine coperte per 30’, quindi spennellarle con l’uovo sbattuto con il latte, cospargerle con lo zucchero rimasto e infornare a 180°C per 30’.

Ricetta tratta da ‘sale e pepe’ di Settembre (“delizie alla ricotta”)

Note:
Non credo di averlo mai scritto prima ma…non le butterete mica le bacche di vaniglia usate, vero?!? Ci si può aromatizzare il mondo! Si possono tagliuzzare e mettere in un vasetto di zucchero o di sale per un condimento aromatico, si possono schiaffare in una lattina di tè sfuso con magari qualche scorzetta di limone (yummy) e taaante altre cose!
Sempre a proposito di bacche ‘scariche’, presto vi renderò partecipi di una ricettina semplice ma troppo carina direttamente da Elle à table :) 

7 commenti:

  1. Soffici, soffici!
    Che delizia queste focaccine!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Le voglio fare!!! E spero di avere buone notizie dalla prova freezer ;-)
    La tovaglietta motivazionale mi ha fatto morire :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la prova freezer è.....rullo di tamburi.... assolutamente superata! :)

      Elimina
  3. Solo dalle foto si capisce quanto sono soffici! :P
    Condivido la tua passione per le tovagliette della colazione, la tua è bellerrima! :D
    Baci :*

    RispondiElimina
  4. grazie a tutte :*
    vedo che le tovagliette sono una passione comune *_*

    RispondiElimina